Adesso la Disney trema

LOGO CITIZEN GOCe l’abbiamo fatta: siamo riusciti a mettere paura alla Walt Disney.

A maggio abbiamo lanciato una petizione globale per chiedere alla Disney di non ospitare il primo Gay Pride della storia nel suo parco giochi di Disnayland Paris: quasi 400,000 fime in tre giorni.

Le famiglie sono preoccupate, non vogliono che la Disney diventi un megafono LGBT nel mondo.

A PROPOSITO: hanno infilato una “famiglia arcobaleno” di “due mamme” anche in Toy Story 4, appena uscito al cinema. Una scena quasi impercettibile (anche se i bambini notano tutto), ma pur sempre il precedente con cui tentare di abituare il pubblico (cioè i bambini) alla cosiddetta genitorialità omosessuale. Molte famiglie hanno deciso di non portare i figli a vederlo…

Purtroppo, il Gay Pride a Disneyland si è svolto lo stesso: il paradiso dei bambini trasformato nel palcoscenico della comunità Gay-Lesbica-Bisessuale-Transessuale con la benedizione ufficiale della Walt Disney.

Ma fonti interne alla Disney riferiscono che l’amministrazione è molto preoccupata per la nostra petizione. Temono di perdere la fiducia delle famiglie e, ovviamente, i loro soldi.

Guarda caso, subito dopo il Gay Pride a Disneyland Paris la pagina dedicata all’evento sul sito web della Disney è stata disattivata! Non è più possibile trovare notizia di un evento fino al giorno prima ampiamente sponsorizzato. La Disney ha paura di lasciare “tracce” del suo attivismo LGBT?

citizen disney

Sparita la pagina sul Gay Pride a Disneyland…

Ecco la notizia: CitizenGO è in grado di far paura a una delle più importanti aziende cinematografiche del mondo. Io e te, siamo in grado di farci sentire, di raggiungere le stanze dove si decidono le strategie aziendali del prossimo anno.

Perciò dobbiamo lanciare subito una nuova campagna che chieda alla Disney – ora, prima che sia troppo tardi – di NON ripetere il tragico errore di quest’anno e NON organizzare più eventi LGBT nei suoi parchi, lasciando in pace famiglie e bambini.

Firma per chiedere al Presidente della Disney di ANNULLARE qualsiasi futuro evento LGBT nei parchi divertimento dell’azienda: http://www.citizengo.org/it/fm/171852-disney-basta-fare-propaganda-lgbt-nel-mondo

Dobbiamo raddoppiare la pressione. Abbiamo raccolto quasi 400,000 firme in tre giorni: dobbiamo arrivare a 1 milione. Stavolta non ci rivolgiamo ai dirigenti locali della Disney, ma al Presidente in persona, Robert Iger.

Il Consiglio di Amministrazione Disney deciderà entro breve cosa fare nel 2020:

  1. Portare i Gay Pride anche in altri parchi del mondo;
  2. Mantenere il Gay Pride solo a Dinseyland Paris;
  3. Non organizzare più Gay Pride nei suoi parcogiochi.

Dobbiamo lottare per la terza opzione. Facciamo sapere – adesso! – al Presidente della Disney che centinaia di migliaia di famiglie non vogliono che la Disney sia un megafono LGBT nelle orecchie dei bambini.

Questo è il momento di farsi sentire! Aggiungi la tua firma, arriviamo a 1 milione: http://www.citizengo.org/it/fm/171852-disney-basta-fare-propaganda-lgbt-nel-mondo

È una questione di giorni. Aziende come la Disney programmano i propri eventi con mesi di anticipo (tutte le attività nei Parchi Disneyland sono già programmate fino a Natale). Quindi a breve decideranno se organizzare ancora – o no, come noi speriamo – il Gay Pride del 2020.

Questo è il momento per mandare alla Disney una valanga di firme. Sostieni la campagna: Clicca e firma qui

Grazie sempre del tuo sostegno.

Un caro saluto,

Filippo Savarese
e tutta CitizenGO

PS: bastano solo 20 secondi per firmare la petizione e chiedere alla Disney di non essere il megafono LGBT nelle orecchie dei bambini di tutto il mondo…

Firma qui: http://www.citizengo.org/it/fm/171852-disney-basta-fare-propaganda-lgbt-nel-mondo

Mi raccomando: dopo aver firmato, condividi la petizione soprattutto sulle chat di WhatsApp. È il miglior modo per spargere la voce e raccogliere in poco tempo la marea di firme di cui abbiamo bisogno per mettere pressione sulla Disney. Sono certo che anche tu sei in molte chat di amici, conoscenti, parenti…

Lo so, le chat sono spesso una croce. Ma approfittiamo di questo strumento per avere più successo… grazie!!! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...