Medjugorje ricorda i morti martiri per mano dei partigiani e dei comunisti

Anche presso un luogo santo e benedetto dal Cielo, attraverso la Presenza della Immacolata e Madre di Dio, oggi si fa memoria. E, in particolare, Medjugorje ricorda quanti, abitanti del luogo, hanno perso la vita nel corso dei passati conflitti bellici.

MEDJ - Panorama

Per questo oggi,  sabato 10 febbraio , alle ore 18 di prossimo, presso la chiesa parrocchiale di san Giacomo, verrà celebrata anche quest’anno una Santa Messa per tutti i parrocchiani deceduti durante le due Guerre Mondiali e nel corso del più recente conflitto bellico avvenuto in patria, come pure per tutti coloro che hanno dato la loro vita in favore della fede e della patria. 

Nel corso della Prima Guerra Mondiale, le vittime originarie della parrocchia di Medjugorje sono state sessantuno, trecentottantasei nella Seconda e dieci nel corso dell’ultimo conflitto avvenuto in patria. La parrocchia ricorda poi in modo particolare i francescani nati a Medjugorje, o che qui hanno svolto il loro servizio pastorale, morti martiri per mano dei partigiani e dei comunisti durante e subito dopo la Seconda Guerra Mondiale.

Dei sessantasei francescani uccisi in quel periodo, ben dieci erano nati o avevano svolto il loro servizio pastorale in questa parrocchia. Si tratta di fra Jozo Bencun, fra Marko Dragićević, fra Mariofil Sivrić, fra Grgo Vasilj, fra Jenko Vasilj, fra Križan Galić, fra Bono Jelavić, fra Paško Martinac, fra Anđelko Nuić e fra Bernardin Smoljan.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...