Quelle bufale sulla salute di Benedetto XVI

Una premessa, importante: l’amore verso Sua Santità Benedetto XVI è così grande che quasi infastidisce doverne parlare per chiarire e/o smentire voci gossippare (dei media mondani ma, purtroppo, anche in ambito cattolico) ma è quasi doveroso farlo.

Circola da diversi giorni la voce di un notevole peggioramento delle condizioni di salute di Benedetto XVI. Per fare un esempio in questa “trappola” ci cascano persino personaggi politici di lungo corso (è di pochi minuti fa un tweet del fascista Gianni Alemanno  che invita perentorio: “preghiamo per Benedetto XVI”, come si fa per i moribondi).

Ma Papa Ratzinger non è agonizzante, per Grazia di Dio. E che l’Altissimo lo conservi a lungo!

B16 E GEORG

Proviamo a spiegare come è nata la cosa. Tempo fa Mons. Georg Gänswein prefetto della Casa pontificia e segretario di papa Benedetto XVI rilasciò una lunga intervista (al mensile BenEssere) nel corso della quale, naturalmente, parlò anche di Benedetto XVI e disse le seguenti testuali parole: «Ad aprile, papa Benedetto XVI compie 89 anni: è come una candela che, lentamente e serenamente, si spegne, come avviene a molti di noi. È sereno, in pace con Dio, con se stesso e il mondo. È interessato a tutto e conserva il suo humor fine e sottile, con il quale sa “dare sale”. Ha conservato una grande passione per i felini. Nei nostri giardini, vivono Contessa e Zorro, due gatti che spesso vengono a “salutare” il Papa emerito».

L’intervista è del marzo 2016, cioè quasi due anni fa. Eppure c’è chi ha messo in giro la voce che Sua Santità sia in fin di vita. Certo, molte casalinghe in perfetta buonafede hanno diffuso via Whatsapp tale bufala infondata, relativa, lo ripetiamo ad una frase detta due anni fa.

E nella serata di, ieri,  martedì 17 Ottobre è dovuto intervenire lo stesso Gänswein per smentire: ed ecco cosa ha detto il Monsignore tedesco: «La frase che mi è stata attribuita è una pura invenzione. Non è vera, è falsa! Vorrei sapere chi ha invitato questa finzione. Da due giorni ricevo molte mail che riportano questa frase e che esprimono preoccupazione».

La frase di cui parla è “è come una candela che, lentamente e serenamente, si spegne, come avviene a molti di noi”. A titolo informativo è bene ricordare un dato anagrafico: Sua Santità Benedetto XVI è nel suo 91esimo anno di vita che compirà, a Dio piacendo, il prossimo Aprile.

Non aggiungiamo altro. La preghiera quotidiana per il Papa è il dovere di ogni cattolico. Un dovere ordinario. Non esistono peggioramenti. Siamo tutti sotto il cielo e tutti dobbiamo morire, tutti dobbiamo vigilare per farci trovare pronti: io, Benedetto XVI e tu che leggi questo articolo. Siamo certi di essere vivi domani? 

cosimo de matteis

B16 24 aprile 2017

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...