Il reliquiario del sangue di San Giovanni Paolo II : storia e significato

reliquiario libro GP2

RELIQUIARIO – Realizzata in bronzo argentato da :Carlo Balljana: l’opera consiste in una sorta di libro e su una pagina è riprodotto il celebre pastorale impugnato da l Papa e sotto il quale è inserita l’ampolla con il sangue del pontefice e nella pagina accanto appare lo stemma pontificio con la scritta ‘Noli timere’ , Non abbiate paura, e la  celebre frase del grandissimo Pontefice è il nome dell’opera dello scultore veneto.

Qualche giorno fa abbiamo parlato della presenza in Oria (Brindisi) presso il santuario di San Cosimo alla Macchia di una preziosa reliquia di San Giovanni Paolo II.  Ebbene a beneficio dei tanti pellegrini che stanno recandosi a venerarla (starà ad Oria fino al 26 di gennaio) e, in genere, per tutti i lettori offriamo una breve descrizione della reliquia e dell’artistico reliquiario che vediamo nell’immagine:

Il bel reliquiario contiene l’ampolla con il sangue di San Giovanni Paolo II, che venne prelevato il  2 aprile 2005 poco dopo la sua morte, pare,  secondo l’iniziativa di una suora che appunto pensò di conservare il sangue di quella persona appena entrata in Cielo: un santo, appunto. Ciò poté avvenire per l’intervento di Joacquin Navarro Valls, Portavoce del Papa -che chiese ai medici di poter effettuare tale operazione- come ha narrato il Cardinale Stanislao Dziwisz allora Segretario di Giovanni Paolo II.

Lo scultore trevigiano Carlo Balljana  ha realizzato il reliquiario ispirandosi ad un momento particolare  del  funerale del Santo Padre cui aveva assistito. Il reliquiario riprende, diciamo così,  una scena delle esequie. Sulla sua bara era stato deposto il Vangelo aperto.

san giovanni paolo bara e CrocifissoEbbene, come in tanti ricorderanno, improvvisamente un forte vento sul sagrato di san Pietro prima cominciò a sfogliare poi a chiudere il Libro,  come se si chiudesse una tappa della evangelizzazione, quella appunto del grande Pontefice. Ecco che l’artista veneto coglie tale ispirazione e realizza l’opera che oggi tutti ammiriamo, completata nel 2011. L’Evangelario è ora nuovamente aperto  proprio a significare  la nuova evangelizzazione che non è terminata, ma continua ad opera della Chiesa di Cristo, con la intercessione del santo Pontefice.

Essa, in questi anni, ha compiuto un lungo pellegrinaggio attraverso molte città ed ovunque è venerata con sincera fede poichè grande è l’amore e la devozione verso il grandissimo Papa che ha guidato santamente la Chiesa per ben 27 anni: dal 1978 al 2005.

Beato Giovanni Paolo II

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...